MOLINELLA, 21 APR. Si chiama “Mario Farisano morto per non lavoro” la pagina di Facebook intitolata al 44enne di Molinellaoperaio presso la Nuova Renopress di Budrio e in cassa integrazione da un anno – che venerdì scorso si è tolto la vita, oppresso da problemi economici e dall’angoscia di non poter più provvedere alla sua famiglia.

Nel gruppo del popolare social network, che ha già ottenuto più di 10 mila contatti, si chiede ai tanti sostenitori di scrivere al Sindaco e ai servizi sociali del Comune di Molinella di sostenere economicamente la famiglia di Farisano – composta dalla moglie, a sua volta disoccupata, e da due bambine – a partire dalle spese sostenute per il funerale.

«Non lasciamo che i suoi familiari si sentano abbandonati dalla società, così come si è sentito abbandonato Mario nel togliersi la vita», si legge nella pagina virtuale, oltre a moltissimi ricordi su Farisano e ad altrettanti attestati di solidarietà alla famiglia lasciati dagli internauti.

Interrogato sulla meritevole iniziativa nata dal popolo di Facebook, dopo i funerali di Farisano celebrati ieri sera, il Sindaco di Molinella Bruno Selva ha dichiarato: «di non aver avuto tempo di guardare la posta, è stata una giornata difficile». Ma promette che il Comune «farà tutto ciò che è possibile fare per cercare di dare una mano».

Sara Deriu
[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay]