BOLOGNA, 29 MAR. – Era il 1980, gli anni in cui il mondo iniziava a indirizzarsi verso le prime invenzioni digitali, quando a Bologna nasceva Cesare Cremonini. L’artista ha deciso di festeggiare il suo compleanno cantando al concerto per Santo Stefano affermando che è stata un’emozione senza paragoni, ed è uno dei doni più belli che potesse ricevere per i suoi trent’anni.

Si avvicina verso il mondo musicale a sei anni quando prende la prima lezioni di pianoforte e da li la sua relazione con la musica non si interromperà mai. Nel 1996, assieme ad alcuni amici e compagni di classe, costituisce un gruppo chiamato “Senza Filtro”, con i quali si esibisce in feste e locali del circuito bolognese, proponendo un repertorio originale. Tre anni più tardi con alcuni amici fonda i Lunapop e si lanciano nel mercato con la canzone Qualcosa di grande, scritto lui stesso ai tempi della scuola.Il successo arriva qualche mese più tardi con la canzone che i giovani di oggi ricordano ancora, 50 special. La strada ora è in discesa. Nello stesso anno esce il primo cd dal nome Squerez e sarà anche l ultimo con la band. Nel 2002 lascia gli amici e decide di cantare da solo. Negli anni successivi produrrà Bagus,Maggese, 1+8+24 ed infine nel 2008 Il primo bacio sulla luna.

Tra dieci anni si immagina con le rughe in quando saranno la testimonianza dei tanti sorrisi che ancora ha voglia di fare.

Pietro De Vita

[ad#Juice Banner][ad#Heyos Banner 468 x 60][ad#Juice Overlay]